Piano strategico per l’Anno Rotariano 2020 / 2021
Del Rotary Club Casale Monferrato

Presidente Alessandro Boverio

IL ROTARY CREA OPPORTUNITA'

Il 2020/2021 sarà una sfida su tutti i fronti; interno ed esterno.

Sul fronte interno abbiamo da arricchire il Club, potenziarne le capacità, migliorare quelle che già abbiamo. Costruire gli strumenti per essere di maggior impatto.
Il coronavirus ci ha massacrati, lasciando anche dei segni. Di fronte al vento forte si può reagire in diversi modi: stare chiusi in casa e aspettare che passi; costruire barriere; costruire mulini a vento. Il Rotary non è rimasto chiuso in casa e non si è limitato a costruire barriere; si è tirato su le maniche e si è adattato. Gli strumenti messi in campo si sono dimostrati efficaci e continueranno ad esserlo anche fuori dall'emergenza (che non è ancora del tutto superata).
L'emergenza ci ha costretti ad accelerare lo sviluppo della nostra comunicazione, come della connessione tra i soci e tra il Rotary ed il mondo. Maloney è stato profeta nello scegliere il suo tema.
Anche il tema di Knaack, sebbene ideato prima dell'emergenza, si rivela appropriato ai tempi. L'accelerata data ai nuovi mezzi di comunicazione, diventa l'opportunità di sfruttare gli strumenti già messi in campo, consentendo di essere più efficaci; più impattanti. Starà a noi migliorare la nostra capacità di adattamento.

Stato attuale:

Il club ha un effettivo di 8 soci onorari e 74 soci effettivi.
All'indomani del 1° luglio, il Rotaract non sarà più una nostra attività, bensì saremo partner nelle attività.
Il club è gemellato con il RC Cagnes Grimaldi (F)

Punti di forza del nostro Club

- Il numero. Grazie ad esso abbiamo potuto affrontare molti progetti che ci hanno portato ed essere un club con molti obbiettivi raggiunti.
- L'aver investito nei giovani, sponsorizzando la partecipazione ai principali programmi per i giovani: Rotaract, RYLA, RYPEN, RYE.

Punti di debolezza

- La partecipazione.
- La scarsa diversificazione nell'effettivo, debolezza ancor più evidente se consideriamo che numericamente siamo tanti.
- I soci coinvolti nella gestione attiva sono numericamente pochi e sempre gli stessi.
- A Casale pochi sanno cos'è il Rotary, o peggio, ne hanno un'idea sbagliata.

Dove vogliamo andare?

- Maggiore partecipazione dei soci alle attività (che non sono solo le conviviali).
- Aumentare i momenti di aggregazione dove sviluppare l'amicizia e formulare progetti che servano alla comunità, anche al posto di qualche conviviale con relatore.
- Aumentare la diversificazione delle categorie per essere in grado di avere maggiore impatto sul territorio. E conseguentemente aumentare il numero di soci.
- Essere più attrattivi. Essere giudicati per quello che siamo e che facciamo. Dimostrando che certi preconcetti sono sbagliati.
- Diventare un riferimento nel territorio.
- Investire nei giovani. Di più di quello che già facciamo.

Come ci arriviamo?

- Migliorare il coinvolgimento dei soci ai progetti, maggiori informazioni, con più facile accesso per mezzo di un nuovo sito internet, appositamente ridisegnato.
- Non chiedere ai nuovi soci di andare ad un evento distrettuale, ma invitarli a venire con chi ci va già.
- Commissioni non di facciata o con descrizioni complesse degli obbiettivi. Semplificare! Poche commissioni, con descrizioni semplici e volutamente ampie per comprendere gli obbiettivi prefissati dal Presidente di turno. (Es. Commissione per l'amministrazione, sottocommissione per l'aggiornamento del Regolamento.)
- Incremento dell'effettivo di almeno 5 soci (traguardo minimo: 3) e di nuove categorie (traguardo minimo 2). La commissione per l'effettivo si attiverà per individuare le categorie maggiormente vacanti.
- Aumentare l'impatto di ciò che fa un Rotary, pubblicizzandone le attività anche sui social e con un format efficace; andando a smantellare i preconcetti con gli esempi ed i risultati raggiunti.
- Fondazione di un Club Interact.

Obbiettivi futuri

Manterremo molti dei service storici:
- Sostegno al progetto D Maiuscola (dedicato alle donne operate di tumore al seno) e di altri progetti riguardanti la salute.
- Borse di studio
- RYLA
- RYPEN
- RYE
- Apporto ai programmi del Distretto e del Rotary International, primo fra tutti: il programma Polio Plus, che sono convinto assumerà rinnovata importanza.
Ne potenzieremo alcuni:
- Progetto a tutela dell'ambiente.
Ne aggiungeremo di nuovi:
- Progetto Virgilio.
- Progetto per il contrasto al disagio mentale
- Progetto "Spalla a spalla – il gruppo è opportunità"
- Progetto "Ogni goccia conta"

Verrà ridisegnato il sito, con un contenitore per tutta la nostra storia, affinché niente vada perso e tutto sia di facile reperibilità per noi e per i non rotariani. Il nuovo sito dovrà essere il riferimento principale della nostra storia e del nostro presente, riportando tutte le opportunità che il mondo rotariano ha da offrire.

Il tema del 2020/21 voluto dal Presidente Internazionale Holger Knaack è: "il Rotary crea opportunità". Il contenuto di questo tema non è una novità, perché è sempre stato così; sennonché ha il pregio di ridare consapevolezza di una verità, talmente scontata che non la si apprezzava più e che, invece, dovrebbe essere il nostro maggiore punto di forza. Da qui l'impulso alla commissione per l'immagine pubblica che avrà come obbiettivo principale il "vendere" il brand "Rotary"; nel senso di far conoscere i grandi successi dei nostri programmi internazionali e dei service, con l'obbiettivo complementare di attrarre nuovi soci.

Questa sarà la nostra sfida sul fronte esterno: aumentare la portata di quello che realmente facciamo; smantellare l'immagine sbagliata che i rotariani sono quelli che "fanno le cene, e poi?"; fare in modo che le opportunità create dal Rotary non sono solo appannaggio dei soci, ma sono potenzialmente aperte a tutti (un esempio fra tutti: gli scambi giovani RYE). Non far capire, ma far scoprire che l'appartenere al Rotary è una fonte di opportunità anche per agire in favore del prossimo.

I giovani sono sempre stati il nostro futuro. Su di loro abbiamo sempre investito ed abbiamo sempre avuto un ritorno di questo investimento: molti rotaractiani sono entrati nelle nostre fila. Dal 1° luglio di quest'anno il Rotaract si eleva ad una maggiore indipendenza, passando dalla posizione di attività del Rotary a quella di partner del Rotary. Nelle prossime commissioni del nostro Club, avremo dei membri rotaractiani. Sarà una bella sfida anche per loro. Saremo partner nei service e nelle attività e investiremo insieme nel loro futuro, che sarà inevitabilmente anche il nostro, con la fondazione di un Club Interact. Un progetto, ambizioso, ma dagli effetti duraturi e di grande impatto per il nostro territorio. Come ha ben espresso Knaack: "... se perdiamo il contatto con le nuove generazioni, non siamo all'altezza dei tempi."

Conclusioni.

Il piano strategico può essere sintetizzato in tre fasi:
- Riscoprire e valorizzare i nostri successi rendendolo più conosciuto ed apprezzato ai soci.
- Un club che maggiormente apprezza il proprio valore è in grado di farlo apprezzare all'esterno ed attrarre nuovi soci che contribuiranno a moltiplicarne la forza, la capacità d'impatto e di espansione.
- Investire nei giovani con progetti ad ancor più lungo termine per assicurarsi ancora maggiore espansione e rendere i cambiamenti ancora più impattanti e duraturi.
Tre fasi con un unico obbiettivo finale: rafforzare le basi per il nostro futuro. Il futuro è di chi lo sa immaginare.

Ultimo aggiornamento (Giovedì 02 Luglio 2020 11:36)